Mercoledì 7 febbraio 2018 ore 18.00 presso il salone della Cantina Joseph Vaudan dell’Institut Agricole di Aosta.

Presentazione di “Effervescenze: storie e interpreti di vini vivi” di Massimo Zanichelli

dedicato ai vini frizzanti “ancestrali”

con degustazione di alcuni vini protagonisti del libro.

Tutti i principali vini frizzanti prodotti con il metodo secolare della rifermentazione in bottiglia vengono per la prima volta raccontati in un libro. A scriverlo è Massimo Zanichelli, noto wine writer, degustatore e documentarista, per molti anni tra le principali firme della “Guida Vini d’Italia” l’Espresso.

 

Effervescenze non è una guida, ma un libro “on the road” che racconta gli scenari naturali, i principali territori, gli interpreti più significativi e i vini più avvincenti di una tradizione rurale troppo presto dimenticata e ora al centro di un rinnovato interesse.

Ecco il Colfóndo trevigiano. Ecco il mondo dei La

mbruschi emiliani che da Modena arrivano fino a Parma, passando per il Reggiano, così come la Malvasia di Candia aromatica e l’Ortrugo del Piacentino, la Spergola reggiana, il Trebbiano di Spagna modenese. Ecco il Lambrusco Mantovano. Il Gutturnio piacentino, la Bonarda d’Oltrepò, il mitico Barbacarlo.

 

Dicono di Effervescenze:

«Un libro imprescindibile» (Alessandro Morichetti, Intravino)

 

«Effervescenze per me vale come Vino al vino di Mario Soldati» (Angelo Peretti, The Internet Gourmet)

 

«Un libro imperdibile, una monumentale opera letteraria» (Fernando Pardini, L’AcquaBuona)

Massimo Zanichelli

Wine writer, degustatore professionista e documentarista del vino, Massimo Zanichelli ha lavorato per il Gruppo Editoriale l’Espresso, firmando la celebre rubrica sul vino del settimanale l’Espresso dal 2003 al 2016 e la guida I Vini d’Italia fin dalla sua nascita (2002-2016). Ha curato le pubblicazioni di Go Wine, ha scritto per le riviste «Ex Vinis», «Grand Gourmet» e «Mood», redatto il Nuovo repertorio Veronelli dei vini italiani (2005) e I grandi cru del Soave (2008). Scrive sul portale L’AcquaBuona. Tra i suoi documentari: Sinfonia tra cielo e terra. Un viaggio tra i vini del Veneto (2013), F for Franciacorta (2015), Generazione Barolo – Oddero Story (2016), Il volto di Milano (2016), Nel nome del Dogliani (2017, musiche di Ludovico Einaudi). È anche docente e saggista di cinema.

Posto: salone della Cantina Joseph Vaudan dell'Institut Agricole di Aosta.